Thohir

Inter(Stellar).

E ADESSO DOVE RISPARMIERA' L'INTER?

E ADESSO DOVE RISPARMIERA’ L’INTER?

Orbene, ci aspettava una settimana tranquillissima, senza sbornie, senza esagerazioni, quasi senza partite e senza tanti colpi di scena.

Ci si aspettava di “gustarsi” al massimo una Italia-Croazia di qualificazioni, sperando in un po’ di bel calcio (questo ormai sconosciuto, dato che è stato molto difficile finir di vedere tutta la partita) e qualche simpatico tafferuglio di gusto balcanico (quello mai disatteso, naturalmente). Poi una tristissima amichevole con la corazzata albanese, peraltro risolta da un gol di Okaka su assist di  Bonaventura all’81’. Calcio sciampagn, signori.

Noia totale fino alla prossima giornata di campionato?

Invece no, ci ha pensato la solita pazza Inter a darci qualche articolo da leggere sulle homepage dei quotidiani sportivi, sulle pagine di facebook/twitter/instagram, sui forum. Ci ha pensato l’Inter a regalarci i botti stellari in una noiosa settimana da pausa Nazionale.

Infatti, come avevo cominciato a prevedere solo una settimana fa su queste pagine, alla fine il buon vecchio Mazzarri non ce l’ha fatta.

Cacciato, bastonato, mandato via, dimesso dall’incarico, licenziato.

Anzi no, licenziato ma con una buonuscita di 3 milioni all’anno per altri 2 anni, e lo chiamiamo fesso.

Amen, noi tutti ti auguriamo un buon anno sabatico ben pagato, caro Walter: forse ti servirà a rimettere a posto le idee e rilassarti dopo un anno e mezzo così. Magari tornerai più forte di prima, te lo auguro. Anche perché “più in basso di così c’è solo da scavare“, come diceva il buon Daniele Silvestri.

Ora, l’Inter che cambia allenatore è una cosa normalissima, quasi quotidiana, che ci accompagna da una vita. Come le elezioni, come la messa della domenica, come i film del ’93 su Italia 1 nel periodo natalizio, l’esonero dell’allenatore dell’Inter rallegra e accompagna le nostre giornate fin da bambini. Senza, la vita sarebbe un po’ più vuota, ne sono sicuro.

No, la novità è che, dopo anni di allenatori mediocri (Gasperini, Ranieri), troppo inesperti (Stramaccioni) od ossessionati fino alla morte coi loro schemi (Benitez, Mazzarri), pare che sulla panchina dell’Inter sia arrivato un allenatore degno.

Roberto Mancini. Un nome internazionale, in primis, come sarebbe normale per una società con un blasone simile. Un allenatore che ha vinto qualcosa, sia in Italia che fuori (e vincere una Premier League, sceicchi o no, non è cosa da poco). Un allenatore capace di cambiare modulo in corsa e adattare la squadra alle caratteristiche dei giocatori. infine, e non è cosa da poco, un allenatore simpatico al popolo interista, un allenatore che ha già trionfato in questa piazza e sa combatterne le pressioni, e infine, un allenatore che lo scorso anno, alla guida del Galatasaray, eliminò la Juve dalla Champions League. Per un interista è tanta carne al fuoco, sappiatelo.

Oltretutto, dopo anni di magra, la scelta di un allenatore di caratura europea come Mancini è una grande svolta, in tutti i sensi. Da un punto di vista prettamente economico, sembra andare contro ogni principio di fair-play finanziario, specie in un momento delicato come quello che sta vivendo l’Inter attuale: Mancini il prossimo anno percepirà ben 4 milioni di euro a stagione, e con un Mazzarri ancora in busta paga, l’operazione costerà ben 30 milioni nei prossimi anni. Cifre non da poco per chi fatica a fare un calciomercato competitivo  e risanare i debiti societari. A volerla pensare bene, Thohir, se ha fatto quel che ha fatto, avrà in mente un qualche diabolico piano per sopravvivere: che si tratti di un aumento di capitale, o di austerity a gennaio, non è dato sapere. A volerla pensare male, l’Inter potrebbe avere fatto un passo più lungo della gamba. Certo è che un ennesimo esonero, accompagnato da altri fallimenti sportivi, sarebbe veramente letale.

Si sa, quando si gioca coi botti, è facile fare una brutta fine.

Tutto ciò ci proietta già al prossimo fine settimana, al fine settimana del Derby di Milano, quello che un tempo era probabilmente la stracittadina più importante ed emozionante di tutto il panorama calcistico (non ce ne vogliano i derby di Londra), e che ora non è altro che un misero cimitero di elefanti che cerca di riprendere un appeal ormai quasi del tutto perduto. Forse in questo blog risulto spesso eccessivamente nostalgico, ma fidatevi, le emozioni dei derby di Champions degli anni 2000 erano tutta un’altra parte di mondo. Tanto che ricordarsi i risultati degli ultimi anni risulta pure difficile, e pensare che l’ultima partita è stata decisa da un gol di Nigel De Jong risulta angosciante ai limiti del possibile.

Tant’è, non sono il solo a ricordare con romanticismo i tempi gloriosi che furono: pure su twitter i profili ufficiali delle due squadre di Milano si sono dati all’amarcord, con effetti di divertente e sportivo sfottò, unico esempio sano della penisola (difatti è il solo derby italiano in cui non ci si accoltella o si inneggia a Superga).

MILAN

INTER

Se son botti, esploderanno.

Annunci

La Roulette Cinese: di allenatori è pieno il mondo.

MAZZARRI  BLOG

Diciamoci la verità: stiamo tutti qui a fare i buonisti e gli esteti del calcio, a tifare per il gioco di squadra e a dire “non è mai solo colpa del singolo“, che nel calcio ci vuole pazienza e per costruire una squadra ci vuole del tempo, ci vuole la famosa amalgama del gruppo, eccetera eccetera.

Sì, sì. Nn’è vero. In fondo sappiamo tutti che il capro espiatorio è sempre uno: l’allenatore.

Allenatore, coach, mister, manager, come lo si voglia chiamare, la sostanza  non cambia. L’allenatore è una figura così unica da trovare pochi paragoni negli altri sport: l’allenatore di calcio è più di un semplice trainer. Si occupa delle interviste (anche perché, difficilmente trovi calciatori che riescano a sostenere una discussione, forse il ricordo delle interrogazioni a scuola è ancora una ferita aperta per molti di loro), è il tutore dell’intera squadra, sbraita in panchina e si prende tutti gli insulti dei tifosi, vince ma è merito di Ibrahimovic, perde ed è tutta colpa sua, perché non ha fatto entrare Zola, o peggio ancora, perché non convoca Cassano (sì, tra gli allenatori il più sfigato è sicuramente il ct delle Nazionali).

Insomma, l’allenatore è il parafulmine annerito dell’intera tempesta calcistica. L’opinione pubblica lo rode per tutta la sua (spesso lunghissima) carriera, lo mangiucchia come fa un bambino delle elementari col tappo delle Bic e poi lo butta nei peggiori gironi degli inferi.
Ecco perché gli allenatori cominciano a diventare molto nervosi (tipo Malesani in Grecia), si fanno venire i capelli bianchi (Mourinho all’Inter), perdono il buon gusto sfoggiando dei cappellini orridi (Bisoli, Cosmi) e invocano per 20 anni la pensione (come Lippi, che però ha provato con successo il metodo alternativo della pensione d’oro in Cina, mica scemo).

Perché non sono tutti Ancelotti (che però, ricordiamocelo, non volle prendere Baggio al Parma perché il Divin Codino non si accordava col suo modulo) o Guardiola, che hanno quasi sempre vinto e quindi zitti tutti.

Non è che tutti possano dire “zeru tituli” senza prendersi sberle in faccia.

No, nel 90% dei casi gli allenatori sono bestie al macello dirottate di città in città nella speranza di sopravvivere il più possibile, cercare di firmare un contratto di lunga durata (e senza risoluzioni pacifiche nel momento dell’esonero) e augurarsi di finire in una big (così da assicurare un buon futuro economico a figli e nipoti, che di ‘sti tempi non si sa mai).

Prendete Mazzarri, poraccio. E’ uno dei pochissimi allenatori che non ha mai avuto il piacere di essere stato esonerato, durante la sua già lunga carriera di provincia. Mazzarri è sempre stato furbo: quando ha visto che le cose non andavano o potevano andare meglio, ha sempre optato per la via delle dimissioni, sempre con un contratto già pronto con un’altra squadra, in genere di un gradino più alta della precedente.

Così la scalata è bella e pronta, degna di una carriera allenatore in Fifa : Acireale-Pistoiese-Livorno-Reggina- Sampdoria- Napoli- Inter. L’allenatore della “Coppa di Toscana” (cit. Mourinho) aveva calcolato tutto, tranne i giochi beffardi del destino. Perché ora il rischio che venga “silurato” per la prima volta è ampiamente tangibile, dopo l’ennesima prova di un’Inter fragile come un origami, che si becca il tacco di Javier Saviola al 90° e deve rendersi conto dei 2 miseri punti nelle ultime 3 partite, dopo un avvio di campionato già abbastanza disastroso. C’è da dire che Mazzarri non è stato l’essere più fortunato di questa terra in questo anno e mezzo all’Inter: non ha effettivamente mai avuto giocatori utili al suo canonico 3-4-3 (che diventa un 3-5-2 o un 3-6-1 all’occorrenza, senza che questo cambi minimamente l’esito di ogni partita), si è visto negare rigori per un anno, ha subito il cambio di proprietà e successivamente l’addio del presidente che l’aveva scelto, non ha saputo resistere alla pressione di una piazza come quella di Milano.

Ma l’Inter non gioca effettivamente a calcio dai tempi di Leonardo (annata 2011): e se questo è stato un problema anche dei vari Gasperini, Ranieri e Stramaccioni, non si può dire che Mazzarri non abbia colpe, se in un anno e mezzo ha fatto annoiare a morte i suoi tifosi (pure Thohir in panchina si ammazza di sbadigli e partite a Candy Crush, poraccio pure lui), con una squadra che passa 90 minuti a passare palla a centrocampo e si riduce a perdere col Parma che ne ha prese 7 (un numero che quest’anno ritorna spesso) una settimana dopo dalla Juve. Non va, non so se andrà, non so se Mazzarri sopravviverà alla dura legge dell’esonero anche questa volta (e ciò mi sembra ormai difficile, perché prima o poi il buon Erick staccherà gli occhi dallo smartphone e si accorgerà di tutto).

E dire che, a Napoli, Mazzarri fece benissimo, con una squadra nettamente meno “top player” di quella attuale di Benitez, riportando i partenopei in Champions dopo secoli, dando il ruolo perfetto ad Hamsik e soprattutto facendo diventare Cavani un bomber di caratura internazionale. Mica fuffa, insomma.
Ma il calcio è bello perché è stronzo, e l’Inter è l’Inter perché è un buco nero calcistico, una bolgia dove non sai se esci vivo o morto, neanche se sei Lippi, Berkamp, Forlan, Cannavaro, Ivan Drago.

E se non se la passa bene Walterone, immaginatevi come deve stare, in quel di Parma, il povero Donadoni: l’anno scorso la squadra parmigiana convinse tutti per il suo gioco arioso e spettacolare e approdò in Europa League (per poi finire estromessa dalla competizione per strane robe burocratiche).
La Serie A riebbe il miglior Cassano degli ultimi anni, oltre alle sorprese Paletta- Parolo (tutti e tre poi convocati al mondiale brasiliano). Pochi mesi dopo, il Parma si ritrova ultimo in classifica, a 6 miseri punti (di cui 3 presi all’Inter, naturalmente, come il Novara di qualche anno fa), con una squadra distrutta, un Biabiany mai partito e scontento, un Cassano che predica nel deserto e un Parolo migrato verso altri, più felici, lidi (l’ottima Lazio di quel vecchio volpone di Pioli). Donadoni, al contrario di Mazzarri, non ha mai avuto tanta fortuna nella sua, ancora giovane, carriera: sorpresa al Livorno, fu chiamato, forse troppo presto, in Nazionale, dove si ritrovò, non per colpe del tutto sue, bloccato nelle sabbie mobili della caccia alle streghe post- eliminazione all’Europeo 2008 (ai rigori, ai quarti, contro la Spagna poi campione di tutto). Neanche nel giovane Napoli degli ultimi anni Zero andò benissimo per l’ex ala del Milan, che dovette accontentarsi di stagioni mediocri, accuse di De Laurentis, rumori della piazza e conseguente e classico esonero. Parma sembrava invece un’isola felice (quello che è sempre stata, d’altronde: uno come me, nato e cresciuto tra anni 90 e 2000, ricorda sempre con nostalgia il forte Parma di Crespo, Buffon e Thuram), nota per aver sempre rivalutato giocatori che sembravano finiti, persi o troppo acerbi (Adriano, Mutu, Cassano, Rossi, Gilardino…), città piccola e tranquilla, piazza perfetta per fare del calcio. Sembrava, appunto. Dopo il caos del mancato ingresso in Uefa, dopo la rabbia di Ghirardi, dopo le incertezze della proprietà all’alba del Centenario, dopo l’ultimo posto e il disonorevole 7-0 contro la Juve, quella realtà incantata sembra così lontana…

Ecco, se c’è una cosa che un allenatore non potrà mai avere nel corso della sua carriera è la certezza: a meno che tu non sia Alex Ferguson ( e solo Ferguson, perché 20 anni sono un’enorme anomalia calcistica), non potrai mai essere del tutto sicuro di non dover fare le valigie l’indomani mattina.
Pure se sei Montella, hai espresso uno dei giochi più belli della Serie A con la Fiorentina, hai mezza squadra rotta male e sei primo nel girone di Europa League. Se non stai attento, rischi di cadere dal cielo anche tu.
Pure se, subentrando a metà stagione, fai vincere la prima Champions della storia al Chelsea e poi nella stagione seguente perdi troppe partite di seguito (e soprattutto non hai l’appeal degli sponsor), come Di Matteo tempo fa. Capita di tutto eh.

Ma non era forse meglio andare in Cina?

La finestra sull’Europa.

NUOVA VIGNETTA

E ce l’abbiamo fatta, un’altra volta. Da non crederci: per la seconda settimana di fila le nostre tanto bistrattate squadre italiane riescono a fare un bel filotto di vittorie e prestazioni convincenti nelle coppe. Roba d’altri tempi, roba da anni Novanta, quando l’Italia dettava legge in Coppa Uefa (9 finali in 10 anni tra 1989 e 1999) e il Milan degli Olandesi e la Juve di Lippi facevano paura a mezza Champions.

Seh, magari.

Se i numeri del mese di settembre europeo ci riportano a quei fulgidi ricordi, naturalmente la realtà è ben lontana dai sogni del passato. Se in Uefa, mai come quest’anno, abbiamo portato 4 ottime squadre (ed i risultati si vedono), in Champions il calcio italiano è scivolato, oramai, a un grado “di vassallaggio” verso i Potenti che appare assai arduo da cancellare.

Arranchiamo, abbiamo paura dell’avversario, siamo più lenti degli altri; poi senti Allegri che si esalta per una Juve che “ha tenuto benissimo il campo” e “ha meritato davanti la squadra campione di Spagna“, guardi il risultato(1-0) e le statistiche (0 tiri in porta e una “QuasiBellaAzioneChePotevaEssereGol” di Giovinco) e ti chiedi dove sia finita la dignità del glorioso calcio della penisola.

Esaltarsi per una sconfitta contro l’Atletico Madrid. Qualche anno fa, a sentire queste dichiarazioni da parte dell’allenatore della Juve, mi sarei inorridito. Ora che siamo dei piccoletti invece passa tutto, e se fai notare al compagno Allegri che la Juve ha giocato per lo 0-0 ci rischi pure le botte eh.

Per fortuna che c’è la Roma, che quest’anno fuori dall’Italia ci sta regalando belle soddisfazioni: è un girone durissimo quello capitato ai romani (e d’altronde, partire in quarta
fascia quando sei arrivata seconda in campionato non è il massimo della vita), con ben tre campioni delle rispettive nazioni, roba da far paura a chiunque. E invece, vedi un po’, la squadra di Garcia sta tenendo benissimo botta: 5-1 alla prima e ottimo pareggio in casa del City campione d’Inghilterra alla seconda. Le annate giuste si vedono dai piccoli particolari: Totti che, con la tranquillità di un ragazzino, a 38 segna il gol più “anziano” della storia della Champions, Keita che corre come un leone, ma che fino all’anno scorso andava pensioneggiando nel campionato cinese, Manolas che ferma Aguero come fosse niente. Giocando così la Roma può arrivare dovunque. E sarebbe un miracolo sportivo.

Per concludere, l’Europa League (anche se preferisco nostalgicamente chiamarla “Coppa Uefa”).

Se ultimamente stiamo scalando le gerarchie del fantomatico ranking Uefa, è soprattutto merito delle nette vittorie che, stranamente, le nostre quattro rappresentanti stanno collezionando una dopo l’altra. Rispetto alle passate stagioni, la sensazione è che quest’anno si possa fare la voce grossa nella seconda competizione europea per club. Napoli, Fiorentina e Inter hanno alle spalle una tradizione vincente e un blasone superiore rispetto alle altre pretendenti, e soprattutto possono cogliere l’occasione per prendersi tante belle soddisfazioni davanti ad una vetrina internazionale. Mi riferisco soprattutto alla squadra di  Thohir, che dopo aver avviato un difficoltoso “reset” dei residui del Triplete, deve e può fare un buon cammino, quantomeno per acquisire credibilità e, chissà, trovare un posto in Champions dalla porta di servizio (eh sì, occorrerebbe vincere la coppa, mica caramelle).

E il Torino? Squadra sicuramente con meno spessore tecnico delle altre tre cenerentole, ma proprio per questo quella che può stupirci di più. Se Ventura ingrana e comincia ad oliare i meccanismi di una squadra che comunque ha cambiato molto e ha perso i pezzi più pregiati(Cerci, Immobile), per la tifoseria granata potrebbe essere proprio l’Europa il posto in cui sognare.

Speriamo bene.

Sì, ho puntato 50 euro sui granata campioni d’Europa League. Che, se riesce, ho svoltato e il raccattapalle non lo faccio più e qui all’Atletico Maranella non mi vedono più.

Però mi piace, in fondo.